No Gronda
11Dic/110

I “No gronda” non mollano “Rischio amianto e alluvione”

Da Repubblica dell'11/12/2011 di AVA ZUNINO

«Non Bastava l'inquinamento atmosferico da amianto, che durante gli otto anni di cantiere minaccerà 250 mila persone del Ponente e della Valpolcevera; ci sarà anche l'inquinamento acustico e come insegnano i recenti avvenimenti un rischio in caso di forti piogge».

Il comitato "No gronda" non molla la presa contro la realizzazione del nuovo "braccio" autostradale dal Ponente alla Valpolcevera e ieri mattina, nello studio dell'avvocato Marco Granara, ha rilanciato con i rischi di alluvione e di inquinamento atmosferico.

«La tubazione che con un percorso andata e ritorno da Bolzaneto alla foce del Polcevera porterà il materiale dei lavori è sull'argine del torrente: se viene un'alluvione, se piove come è accaduto lungo il Fereggiano, porta via tutto. E le strade di cantiere che dureranno dieci anni corrono lungo l'argine del Polcevera», dice il comitato, ricordando anche la novità normativa.  «La Regione a luglio ha ridotto la distanza delle costruzioni dall'alveo dei torrenti, portandola da 10 a 3 metri».

E a proposito di Regione il comitato "No gronda" che ha ormai impugnato tutti gli atti e le delibere relative alla gronda autostradale di Ponente, ha detto che procederà «adesso contro tutti i pareri ambientali». Ed ha impugnato anche l'accordo tra gli enti che la Regione Liguria non aveva voluto firmare: «perché non era previsto il tunnel della Fontanabuona. Poi, qualche mese più tardi, quando il governo ha inserito il tunnel, allora il presidente Claudio Burlando ha firmato.  Ma che cosa c'entra la Fontanabuona con la gronda di Ponente? Non sono due opere connesse».

Quanto all'inquinamento, il comitato ripercorre i termini dei lavori in cantiere: «Gli scavi della galleria riguardano 18 milioni di tonnellate di rocce potenzialmente amiantifere, che seppur diluite in 18 anni, verrebbero concentrate nell'area di Bolzaneto dove sono previsti un impianto e una zona di classificazione e stoccaggio delle rocce. Un grande rischio di inquinamento da polveri da amianto riguarderebbe quell'area e quelle attraversate dai camion che li trasportano. Autostrade ha previsto l'utilizzo di filtri che però non sono adeguati a raccogliere le polveri di amianto. E ha previsto anche la protezione degli operai: e la popolazione?».

Quanto al nuovo Puc, dice il comitato: «Stabilisce che ad esempio a Vesima si potrà costruire solo utilizzando i materiali originali, peccato che 50 metri sopra a Vesima la gronda distruggerà tutto e più in là a Voltri distruggerà anche la villa Duchessa di Galliera: per questo chiediamo ai genovesi di esserci vicini e sostenerci.  Abbiamo fatto ricorso, siamo convinti che questo progetto non si farà, è troppo complicato e pasticciato».

Infine, i rapporti con gli enti. Resta la bocciatura per il Comune, «che non ci ha neppure mai convocato mentre Regione e Provincia almeno ci hanno ascoltati. Le nostre sono obiezioni tecniche e non vogliamo risposte politiche». Con i soldi della gronda, afferma it comitato, «si potrebbero fare opere per la città, investendo sul trasporto pubblico e sui parcheggi».

Commenti (0) Trackback (0)

Ancora nessun commento.


Leave a comment

Ancora nessun trackback.