No Gronda
8Apr/130

Comunicato stampa

Gentili Signori,
In relazione alle recenti notizie apparse sugli organi di informazione locali, Vi inviamo in calce un Comunicato Stampa del Coordinamento dei Comitati No Gronda e cogliamo l'occasione per informarVi che, entro il mese di aprile, verrà convocata una Conferenza Stampa presso lo Studio dell'Avv.Prof. Daniele Granara relativa all'illustrazione di ulteriori motivi aggiunti al ricorso presentato al TAR nel Marzo 2011.
 
In tale occasione saremo a disposizione per esporre le nostre posizioni in merito allo stato attuale della procedura di VIA della Gronda di Ponente.
Sarà nostra cura informarVi non appena avremo fissato la data.
 
Vi ringraziamo e porgiamo i nostri migliori saluti.
 
Coordinamento dei Comitati No Gronda
 
Comunicato stampa
 
Il Coordinamento dei Comitati No Gronda sente il dovere di riepilogare e ricordare le proprie posizioni ai cittadini che nelle ultime settimane sono stati nuovamente investiti da una lunga serie di inesattezze sul tema della Gronda di Ponente ed in generale sulle grandi opere che dovrebbero gravitare sul nostro territorio.
 
Ci riferiamo, ad esempio, all'evento recentemente organizzato dal Presidente della Regione, il quale ha raccolto intorno a sé i soliti potenti con i loro slogan favorevoli alla realizzazione della Gronda di Ponente, ma che, a fronte dell'assenza assoluta del supporto di dati oggettivi, a nostro avviso è servito solamente a ribadire ancora una volta quanto siano distanti certi interessi da quelli dei semplici cittadini.
 
Rispetto al vuoto informativo che la cittadinanza sta subendo sulla realizzazione della Gronda di Ponente, vorremmo invitare i genovesi a diffidare da quanti negli ultimi tempi stanno in ogni modo cercando di vendere loro un elisir chiamato "Gronda", come la panacea di tutti i guai della nostra città.
 
Sono proprio coloro che oggi abusano della parola "progresso sostenibile" per giustificare grandi opere economicamente e socialmente insostenibili, a vacillare spesso in un'imbarazzante carenza di senso critico e di informazione, che li porta ad accettare, disdegnando qualsiasi contraddittorio, i dati così come vengono loro forniti dagli stessi costruttori dell'opera (come, ad esempio, quelli sull'inquinamento e sul traffico, a nostro avviso estremamente opinabili), sminuendo il rischio correlato al trattamento della grande quantità di materiali amiantiferi che sarebbero movimentati in città.
 
Altra "cecità", la ciclica riproposta del declassamento della A10 (ignorando che, secondo la stessa Società Autostrade, il declassamento minerebbe l'utilità della Gronda). Ci viene poi raccontata, a turno, la favoletta dell'imminente crollo del Ponte Morandi, come ha fatto per ultimo anche l'ex Presidente della Provincia, il quale dimostra chiaramente di non avere letto la Relazione Conclusiva del Dibattito Pubblico, presentata da Autostrade nel 2009. In tale relazione si legge infatti che il Ponte "...potrebbe star su altri cento anni" a fronte di "...una manutenzione ordinaria con costi standard". (Queste considerazioni sono inoltre apparse anche più volte sul Bollettino degli Ingegneri di Genova.)
 
Ci chiediamo pertanto quale credibilità possano ancora avere coloro che si schierano a favore delle grandi opere e si accingono a misurare in metri cubi di nuovi sversamenti di cemento la "crescita felice" di Genova, mentre la nostra città sta annaspando fra alluvioni e frane, convivendo con il rischio permanente di contare nuovi morti. Non riteniamo, infatti, che ad oggi abbiano dimostrato di saper incidere positivamente nella salvaguardia del tessuto ambientale, economico ed infrastrutturale, né tantomeno di apportarvi significative innovazioni.
 
I risultati dell'idea di "crescita" fino ad oggi realizzata sono di fronte agli occhi di tutti. Ne ricorderemo solo alcuni:
- i 25 anni trascorsi per ottenere una strada di sponda destra del Polcevera, ancora oggi priva di uno svincolo funzionale a lato mare;
- l'estrema vulnerabilità della città, oramai ostaggio del dissesto, dove si continuano a rilasciare licenze edilizie in località improponibili;
- i silenzi con cui negli ultimi anni alcune importanti realtà industriali le sono state scippate;
- l'operazione edilizia degli Erzelli che, oltre ad aver incassato il dissenso di alcune voci eccellenti, a fronte di una pioggia di denaro pubblico e di un'opera non ancora completata, può già oggi incredibilmente contare su un un centinaio di lavoratori in esubero;
- lo sfascio del trasporto pubblico, che trova il suo culmine con l'agonia del biglietto integrato, proprio in coincidenza dei lavori per la realizzazione del nodo ferroviario.
 
Vorremmo inoltre esprimere il nostro rammarico per le posizioni - a nostro avviso poco lungimiranti - espresse da alcuni Sindacati dei lavoratori, nel constatare come questi, sperando di poter raccogliere qualche briciola che potrebbe cadere dal tavolo delle grandi opere, dimentichino di reclamare a gran voce le risposte immediate delle quali la città e i suoi lavoratori hanno assoluto bisogno e che costituirebbero una sicura occasione di rilancio e di lavoro, quali ad esempio il risanamento del gravissimo dissesto idrogeologico in cui versano Genova e la Regione, il miglioramento della mobilità pubblica, la messa in sicurezza dei corsi d'acqua, le riqualificazioni di molte aree urbane ed ex-industriali abbandonate al degrado, il ripristino di infrastrutture fatiscenti e l'efficientamento energetico delle abitazioni.
 
In nome di qualche ipotetico e non garantito posto di lavoro, li troviamo purtroppo oggi schierati in prima linea a favore della  costruzione della Gronda che, come ogni grande opera, finirebbe quasi certamente nel perverso meccanismo dei subappalti e del massimo ribasso, ciò a scapito dei piccoli ma per consentire lucro per pochi altri che, come unico risultato, terrebbe bloccata la città per l'intera durata decennale dei cantieri con conseguenti costi sociali e sanitari.
 
Ribadiamo ancora una volta la nostra posizione: quella di realizzare la Gronda per risolvere i problemi del traffico è un'idea obsoleta e dai costi esorbitanti che, alla fine, si riverserebbero interamente sui cittadini, i quali ne pagherebbero il prezzo, a tempo indeterminato, attraverso pedaggi, costi ambientali e sociali, a fronte di asserito un minimo beneficio in termini di ottimizzazione dei flussi di traffico.
 
Il decongestionamento del traffico potrebbe invece essere ottenuto, con costi decisamente più contenuti, migliorando la ricettività delle zone di immissione dai caselli verso la viabilità ordinaria; creando una viabilità alternativa per i tir e manifestando, una volta per tutte, la volontà politica di incentivare l'uso del mezzo pubblico, investendo nella mobilità pubblica  (e non distruggendola), nell'ottica di convincere il cittadino a rinunciare ad utilizzare la propria auto per spostarsi all'interno della città; dirottando, infine, quanto più possibile le merci su ferro e creando un distripark al di fuori della città.
 
Rimarchiamo nuovamente con forza il fatto che, in tutto l'iter burocratico del progetto, non è stata ancora prodotta neanche una pagina sulla valutazione costi/benefici dell'opera da parte di un ente
che non ne sia coinvolto nella costruzione.
 
Cogliamo infine l'occasione per rinnovare il nostro ringraziamento al Presidente della Regione per aver firmato il protocollo d'intesa sulla Gronda con un'anno di ritardo, concedendoci in tal modo una forte arma legale e procedurale per corroborare il nostro ricorso al T.A.R. contro la realizzazione dell'opera.
 
Commenti (0) Trackback (0)

Ancora nessun commento.


Leave a comment

Ancora nessun trackback.